martedì 21 febbraio 2017

Breve storia triste

Diamo spazio a una breve testimonianza sulla reale condizione di tanti giovani del Cammino.

«Vorrei condividere un esperienza che mi ha scioccato sulla gente del "cammino"...

avevo solo 18 anni e mi fidanzai con una ragazza appartenente a questa setta. Era già mia amica da un anno e le volevo molto bene. Fin dai primi tempi notai alcune stranezze nel suo gruppo di amici:

1) erano tutti nel cammino neocatecumenale;

2) uno di loro era stato a letto con un suo amico maschio ma aveva una ragazza(anche lei nel cammino) la quale aveva abortito tre volte (a 17 anni);

3) sembravano voler sempre convincere la mia ragazza che stare con me fosse sbagliato perché non ero uno di loro.

Avevano un senso dell umorismo che sembrerebbe troppo spinto anche in un night club di Harlem, la loro antipatia era sempre gratuita e rivolta solo a gente molto debole.

Riuscii ad ottenere apparentemente il consenso del padre andando a vedere per due volte "le catechesi". Questi incontri non erano altro che un discorso di gruppo di una banalità allucinante nel quale ti parlavano come se fossi un bambino di 5 anni.
Feci notare alla mia ragazza che Gesù predicava una vita semplice mentre loro non facevano che parlare di spendere 1.500 euro a famiglia per un imminente viaggio a Rio (la mensa dei poveri era al piano inferiore).
Durante questi viaggi il cui scopo era "evangelizzare" non mancavano canne, sbronze e sesso come in ogni viaggio fra ragazzi al mondo. L'unica differenza era che durante il giorno parlavano di Dio e facevano cose che io non ero ritenuto degno di conoscere.

Ci lasciammo diverse volte e puntualmente scoprii che persone molto più anziane di noi le parlavano in privato. Ovviamente io non entrai mai a far parte del cammino. Alla fine, dopo tre anni di tormenti riuscì a lasciarmi per un neocatecumenale. Da allora non l'ho più sentita. La mia attuale ragazza ancora convive con i dubbi che quella comunità mi ha creato a causa delle loro manipolazioni.»

Nota: Lo sappiamo che non tutti i giovani del CN sono come quelli descritti dall'esperienza di questo giovane "del mondo", è però da sottolineare che è tipica del cammino l'ipocrisia di andare in giro a dire "Signore, il Signore!" e poi comportarsi esattamente come tutti le altre persone "del mondo", tanto criticate. 

39 commenti:

  1. Quanto odio la gente che fa così.
    Premesso, io non ho nulla contro canne, sbronze, ecc... sono cose che riguardano loro e la loro vita. Se vogliono farlo, ben vengano (purché non si trasformi in un problema per gli altri).
    Quello che odio è l'IPOCRISIA (come sottolinea giustamente sandavi) che permea queste "comunità": di giorno sempre lì a bacchettare, giudicare e disprezzare chi "è nel mondo" e si dedica ad attività ricreative, e poi la sera giù a darci con quelle stesse attività che di giorno hanno criticato.
    Se non sbaglio, nei Vangeli Gesù non se la prendeva coi peccatori (cioè, nel nostro caso, chi ci dà dentro con sbronze, canne, ecc., anzi ci pranzava pure!), quanto con gli IPOCRITI: quante volte gli ho sentito pronunciare quell'epiteto, quando si rivolgeva a farisei, sacerdoti del tempio, e compagnia bella!
    Se si prendessero la briga di leggere i Vangeli, anziché ripetere a pappagallo quello che gli dice il Kikone Internazionale, scoprirebbero che Gesù ce l'aveva proprio con quelli che si comportano come loro!

    p.s.: antipatia e offese rivolte ai più deboli. Tipico comportamento dei vigliacchi: forti coi deboli, deboli coi forti (cioè i catechisti e i "fratelli" di comunità").

    RispondiElimina
  2. Se il Signore si è premurato di specificare che non chi dice Signore Signore entrerà nel Regno non penso che l'abbia detto solo per i neocatecumenali... Penso che più che un problema del cammino questo sia un problema diffuso in tutta la Chiesa da sempre. Credo che in questo siano fondamentali i preti, sta a loro denunciare l'ipocrisia nella loro predicazione, un po' sul modello di Gesù. Mi ritengo fortunato da questo punto di vista perché ho un buon parrocco che ci mette spesso in guardia da questo pericolo.
    Questa descritta è un po' una situazione borderline... È vero che tanti giovani del cammino spesso si comportano da pagani. Però è anche vero che dire "sappiamo che non tutti i giovani del CN sono come quelli descritti"è pretestuoso. Lascia intendere che la maggior parte sia così ad eccezione di pochi.
    Giacomo

    RispondiElimina
  3. x Lysander

    21 febbraio 2017 11:32

    Sono pienamente d'accordo: i neocat parlano sempre "del mondo" come se fosse una cosa impura al di fuori di loro, ma poi ne assumono gli stessi comportamenti moltiplicati all'ennesima potenza. Dicono di essere moralmente superiori specie dal punto di vista sessuale e poi fanno milioni di porcherie anche più dei non-neocat. In questo blog ho visto un sacco di neocat offendersi perché venivano criticati i malcostumi delle ragazze neocat: personalmente non me ne frega niente di quello che fanno le ragazze neocat, ma poi non mi vengano a dire che il "mondo" è intriso di malcostumi sessuali e che loro sono puri, perché a questo punto gli risponderei che le ragazze neocat sono più "meretrici" della media (chiedo scusa per il volgarismo, ma se la mettiamo così, è la pura verità). Ho conosciuto neocat che hanno sfruttato ragazze cattoliche normali e atee per sesso, ingannandole, dicendo che volevano rimanere casti fino al matrimonio e quando le ragazze per amore accettavano, i neocat cambiavano idea, ci andavano a letto e poi le lasciavano dicendo di sentirsi in colpa e di aver peccato, ma in realtà era solo per usarle.

    Emanuele Baiocco

    RispondiElimina
  4. Generalizzare certe storie strane non ci sta, sinceramente pure i pischelli della mia comunità nei primi anni facevano cazzate, tipo sfasciare qualche letto in convivenza o ubriacarsi, però non lo facevano tutti e poi cammino o non cammino crescendo si sono raddrizzati. Non è con ste robe che si fa informazione, tanto meno in forma anonima.

    Il tema è:

    Dottrina
    Liturgia
    Pastorale


    Il resto non serve.

    RispondiElimina
  5. Appunto, anonimo delle 13:26

    Dottrina= eretica
    Liturgia= abusata
    Pastorale= contraria alle indicazioni del Papa

    Il resto non serve
    DAVID

    RispondiElimina
  6. x Anonimo 21 febbraio 2017 13:26

    Se i neocat stessi si considerassero "persone normali", la cosa non mi tangerebbe, ma loro si considerano la "razza superiore eletta da Dio" per convertire il "mondo" con le sue terribili depravazioni dalle quali loro, così puri, buoni, altruisti, amorevoli, caritatevoli, zelanti, super uomini moralmente impeccabili sono avulsi. Conosco cattolici praticanti normali che hanno vari vizietti, ma sono persone umili ed empatiche, quindi non vado a vedere il vizio, la questione è diversa verso chiunque si crede illibato e ama pontificare contro tutto e tutti.

    Emanuele Baiocco

    RispondiElimina
  7. Anonimo delle 13:26
    Si fa informazione eccome invece. Il tuo caro Kiko alla GMG dello scorso agosto ha detto che i ragazzi del mondo non hanno niente e si ubriacano, si sbronzano etc. Ora tu ci vieni a dire che anche se nel cammino i ragazzi fanno così, e anche peggio, non vedi problemi? Il problema è sia dottrinale che pastorale che liturgico, ma anche concettuale. Ci hai dato l'ennesima prova che se le "porcate" sono firmate neocat sono accettabili, se sono firmate "mondo" vanno utilizzate per bombardare le persone col concetto che "fuori dal cammino non c'è nulla". Non ti pare un po' incoerente la cosa? Allora dimmi, se i ragazzi del cammino fanno come tutti gli altri pagani e poi, crescendo, si raddrizzano, come tutti gli altri pagani, a cosa cavolo serve il cammino neocatecumenale?? Laura P.S. Ha ragione Emanuele Baiocco, anche io ho visto nella mia comunità coppie che non erano state caste lasciarsi perché uno dei due non voleva convertirsi al cammino, dopo aver avuto rapporti, e poi gli stessi membri nc di quelle coppie fidanzarsi con persone del cammino ma ovviamente non rispettando ancora la castità. Ergo...come al solito si dimostra che il problema è solo essere "firmati" neocatecumenali. Se neocatecumenale bene, pure se con comportamenti pagani e anche peggio dei pagani, altrimenti male. Questo è il concetto. Trattasi di una setta che la Chiesa Cattolica deve maneggiare con le pinze perchè ha la responsabilità di tante anime che si "professano" in fondo cattoliche.

    RispondiElimina
  8. La mia esperienza con i ragazzi del cammino è stata al 90% fatta con persone di sani principi in termini di uso di droghe, adulteri, sessualità, etc.

    Quindi non ho mai vissuto le esperienze trattate in questo post.

    Ad ogni modo ho potuto riscontrare che verso i figli dei catechisti c'era sempre un occhio di riguardo o, comunque, si preferiva che fossero loro eventualmente a "correggere" i pargoli, evitando ogni possibile interferenza.

    C'era, lo ricordo bene, comunque una certa ipocrisia di fondo nel dividere il "cammino" dalla chiesa. Alla fine i ragazzi stavano sempre per conto loro ed evitavano frequentazioni con chi non era all'interno. Neppure a livello di confronto.

    RispondiElimina
  9. http://www.lanuovabq.it/mobile/articoli-il-lavorio-carsicoper-una-messaecumenica-19011.htm#.WKyY_IouKf1

    RispondiElimina
  10. Il tema è:

    Dottrina
    Liturgia
    Pastorale


    Il resto non serve.


    esatto caro anonimo,
    ci interessa poco un racconto di gente che fuma canne, ha rapporti prematrimoniali e tutto il resto.
    Quello che ci interessa è perché queste cose avvengano subito dopo un'Eucarestia, in convivenza o in pellegrinaggio. Ci si chiede che pastorale fa il cammino se non fa formazione cristiana?
    Che liturgia hanno vissuto queste persone se una volta fuori dalla celebrazione si lasciano andare a comportamenti eccessivi e a schiamazzi?
    Perchè i catechisti permettono queste cose?
    Ma fa paura anche il tuo sistema di pensiero perché non è vero che col tempo tutti si rimettono in carreggiata. L'uso di droghe lascia strascichi per tutta la vita, come pure il bere smodato. Commettere peccati di natura sessuale non aiuta la crescita armonica della persona. Lasciare ragazzi senza una guida sicura, soprattutto quando sono ribelli e in conflitto con i genitori può portare a comportamenti antisociali. Ho in mente, ovviamente, situazioni che ho conosciuto in comunità, dove il ragazzo che riporta danni fisici o morali viene allontanato dalla comunità e il problema non si pone più.
    Quelli che restano imparano l'ipocrisia: nel mondo ci si può comportare male, poi ci penserà la celebrazione a 'cancellare i peccati' e a elevare spiritualmente i prescelti.

    RispondiElimina
  11. Michela maddai!


    L'ultimo problema dei giovani nc sono questi!

    Nella fase della "ribellione", diversi ragazzi figli di nc fanno cazzate, ma sai (perché è una storia che si ripete) che poi al netto di quelli che lasciano, diventano i talebani del cammino, "i salvati", il figlioli prodighi".

    Non è questa la questione che é soggettiva, in termini di morale cattolica, i nc sono quasi inattaccabili, escluso magari gente che ci arriva in età adulta con peccatoni grossi grossi.


    I temi veri sono quelli esposti sopra!

    E il più drammatico è un altro di cui non parla nessuno, in italia ogni anno vengono ordinati circa 400 sacerdoti, nei quali sono compresi gli ordinati neocatecumenali nei seminari italiani, che sono pochi in parte stranieri. Bene!

    Ma il dato vero è un altro, dato che i numeri dei seminaristi r.m. nel mondo sono stabili a circa 2.000 unità, dato che mediamente ogni anno ne entrano circa 300, é verosimile che altrettanti sono quelli ordinati nel mondo.

    Se è vero che 1/4 dei nc sono italiani e in proporzione tale dato vale presumibilmente x i preti, parliamo di 80 ordinati circa l'anno di passaporto italiano.
    Significherebbe che 1/5 degli ordinati italiani proviene dalle fila di una sparuta setta!


    E se decidono di rievangelizzare l'Italia è rimandano i loro preti?

    Che rimanga bello aperto il cnc a guam!



    RispondiElimina
  12. Ecco la solita propaganda neocatecumenali.

    http://kairosterzomillennio.blogspot.it/2017/02/storia-di-laura.html?m=1

    RispondiElimina
  13. Il vero problema è la distorsione dell'ottica , sia di chi crede con soddisfazione che il cammino neocatecumenale sia tanto importante, sia di chi, come voi, pensa che purtroppo il cammino neocatecumenale sia tanto importante.
    Ma se andiamo ai numeri, nel mondo abbiamo circa 120000 seminaristi di cui solo 2000 provenienti dal cammino neocatecumenale!
    Se con s indico un seminarista non neocatecumenale e con x un seminarista neocatecumenale la situazione è questa:

    s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s s x x.

    Distorsione,distorsione,distorsione.

    Pico della Mirandola



    RispondiElimina
  14. Poco verissimo!


    Ma se riporti il datore europa e america cambia il discorso!

    RispondiElimina
  15. @ Pico della Mirandola, esperto di ottica

    "...sia di chi, come voi, pensa che purtroppo il cammino neocatecumenale sia tanto importante...e andiamo ai numeri, nel mondo abbiamo circa 120000 seminaristi di cui solo 2000 provenienti..."

    Su questo rivolgiti al signor trettre dottor (h.c.) contafrottole Arguello. Lo specialista dei grandi numeri è lui, vedi i 50.000 presbiteri per la Cina.

    Quanto al dare al Cammino troppa importanza, noi reduci sappiamo bene quanta sofferenza hanno sparso.

    Se tutte le discussioni e i post pubblicati in questi anni sono stati d'aiuto anche ad una sola persona, non abbiamo sprecato il nostro tempo.

    Prova a vederla in quest'ottica...

    RispondiElimina
  16. Ai due anonimi delle 23:16 e 00:56
    State confondendo la forza numerica con la forza eversiva di un insegnamento morale che cambia il modo di ragionare.

    Nella fase della "ribellione", diversi ragazzi figli di nc fanno cazzate, ma sai (perché è una storia che si ripete) che poi al netto di quelli che lasciano, diventano i talebani del cammino, "i salvati", il figlioli prodighi".

    Se vai oltre le apparenze devi ammettere che chi ha avuto comportamenti estremi trova nel cammino il luogo dove continuare ad agire in modo estremo. Cambia il contenuto ma non l'atteggiamento di non equilibrio.
    Ovvero non c'è crescita umana e quindi neanche cristiana.

    Per quanto riguarda i numeri il problema è che il sacerdote nc esporta una religiosità di facciata che attrae anche i non-neocat e anche persone che non entreranno mai nel cammino.
    Il sacerdote RM ha imparato a fare omelie divertenti, sa strappare un sorriso, sa trasformare una Messa in uno spettacolo.
    Alla fine il risultato è simile: ci si abitua a non valorizzare la propria interiorità come luogo dell' incontro con Dio e a cercarLo negli effetti speciali e nelle novità liturgiche e dottrinali.
    Di tutto ciò il cammino non è direttamente responsabile ma il cammino sfrutta questa debolezza del tempo presente per affermarsi distruggendo.

    RispondiElimina
  17. Verissimo Pico della Mirandola!

    A Giacomo, MarcAntonio-che è sparito subito- e tutti gli altri:

    Uno degli strumentini-ini-ini del movimento/setta è la prosopopea dei numeri; ma se la matematica non è un'opinione:
    cattolici battezzati nel mondo = un miliardo e mezzo;
    neocatecumenali nel mondo ( oh, i dati vengono forniti da loro stessi)= un milione e mezzo ( anche se altre statistiche parlano di una perdita di 50.000 unità all'anno nell'ultimo triennio)
    Proporzione ottimistica= neocatec. nel mondo= 1/1000!!!

    Ciò che vi fanno credere, invece, attraverso una semplicissima tecnica di comunicazione che enfatizza ed esagera il tono della voce, sfruttando spesso le "grandi occasioni" delle Gmg, delle convivenze internazionali, dei family-day o altro, dove, in quel dato momento, in quel preciso luogo, si ritrovano grandi folle, così da avvalorare e accreditare le "quantità" vantate, è che siete praticamente i più numerosi e in avanzata progressiva......

    Applicando la matematica che si insegna nella scuola dell'obbligo, dalla quinta elementare in poi, vi dovreste accorgere che in realtà il c.n. è una piccola , sparuta minoranza che non sala e che non fa lievitare un bel niente, nemmeno se stessa, perché, se così fosse, dovrebbe aumentare invece di perdere pezzi o essere sostenuta quasi unicamente dai figli n.c., coartati a dodici,tredici anni.
    Andate a considerare, ad esempio, i risultati delle 100 piazze: dopo aver sbraitato ai quattro-venti che "ero un drogato, uno spacciatore incallito, un ladro e un misogino, poi ho incontrato il Signore, ho fatto tot. figli e mi sono salvato" ed essere passati con megafono aperto tra i pochissimi ed esterrefatti passanti ad obbligarli con invadenza a dire la loro sulla fede, sai quale è stata la scena? QUEI QUATTRO GATTI SE NE SONO SCAPPATI A GAMBE LEVATE FIOTTANDO SULLA "PAZZIA DI QUESTE PERSONE E DEL VESCOVO CHE NON LO SA O PEGGIO CHE FA FINTA DI NULLA!"- Esito: nessun "reclutamento" dalle cento piazze da anni.A.C.

    RispondiElimina
  18. Commento del 22 febbraio 2017 09:44

    Esattamente! Tra l'altro ho trovato diverse fonti sul numero di neocat o comunità neocat nel mondo, per esempio, in un video si diceva che in italia ci siano 5000 comunità, in un altro 10000, ovvero il doppio ed erano video dello stesso anno. Qualcosa non quadra.

    Emanuele Baiocco

    RispondiElimina
  19. Sono d'accordo che i numeri del Cammino siano esagerati: in questo, i camminanti sono maestri nel far credere di essere una moltitudine, mentre in realtà sono una minoranza all'interno della cristianità.
    Oltretutto, sono maestri anche nel padroneggiare l'effetto "riabilitazione", che spesso usano le cliniche per il recupero dei tossicodipendenti: spesso le cliniche sbandierano grandi numeri per far vedere "quanti tossici sono riusciti a curare", ma omettono volutamente (o per ignoranza) il numero di quelli che ci sono ricascati qualche mese dopo.
    Stessa cosa per il Cammino: sbandierano ai quattro venti i "grandi numeri" di quelli che entrano nel Cammino, ma omettono di citare gli altrettanto "grandi numeri" di quelli che se ne vanno ridacchiando dopo qualche catechesi, oppure che se ne vanno dopo anni di Cammino. E omettono di citare che il Cammino, ormai, è praticamente "endogamico": pochissimi entrano nel Cammino ex novo, la maggior parte di quelli che ci sono dentro è perché ci sono dentro i loro genitori. Quindi, il Cammino inizia ad essere una cosa "dinastica", cosa che ovviamente ne decreterà la fine (o un sostanziale ridimensionamento) nell'arco di un paio di decenni.

    Ma, a parer mio, sono comunque troppi: anche se sono una minoranza, le comunità sono chiuse sul modello settario, provocando un'incredibile sofferenza ai membri e rovinando le vite loro e di quelli che li circondano. E considerato questo, anche se fossero solo in 10 sarebbero comunque troppi.

    RispondiElimina
  20. Pax

    Apostata ha detto....

    Quanto al dare al Cammino troppa importanza, noi reduci sappiamo bene quanta sofferenza hanno sparso.

    Se tutte le discussioni e i post pubblicati in questi anni sono stati d'aiuto anche ad una sola persona, non abbiamo sprecato il nostro tempo.


    Si anche se abbiamo aiutato una una sola persona ad aprire gli occhi....
    Si noi siamo i reduci e combattenti....

    Si il signor trettre dottor (h.c.) contafrottole Arguello ama i numeri e sta sempre a contare e si compiace e si esalta.

    A noi i numeri non fanno impressione, non ci lasciamo suggestionare, anzi.....

    penso proprio che sia lui fuori posto nella Chiesa, non noi, ma ha letto bene i Santi Vangeli? Ha meditato le Parole di Gesù?

    Pax


    RispondiElimina
  21. @ Pax

    "...ma ha letto bene i Santi Vangeli? Ha meditato le Parole di Gesù?"

    Non è esatto.

    Il signor trettre dottor (h.c.) nuovogiovanniinmezzoavoi Arguello ha letto solo i suoi Mamotreti (old version) e medita esclusivamente le sue parole.

    Ovvero, ogni botte dà il vino che ha.

    RispondiElimina
  22. Anonimo delle 23:29...
    Da "Storia di Laura":

    alcuni stralci....

    1."loro sono nati perché i genitori si sono aperti alla vita e non hanno scelto la strada dell’aborto o che, più semplicemente, non si sono separati – come tante famiglie che li circondano – grazie al Cammino stesso."

    NATI GRAZIE AL CAMMINO.

    2."stare con Cristo conviene e questo i ragazzi piano piano lo capiscono e lo vivono.
    Ovviamente è Dio che fa tutto, noi siamo solo spettatori e strumenti nelle mani della Chiesa e dello Spirito Santo."

    ...NELLE MANI DI KIKO E DEI CATECHISTI CHE TI DICONO LA VOLONTA' DI DIO PER TE,
    COMODO CONCLUDERE CHE SE NON OBBEDISCI A LORO NON OBBEDISCI A DIO!!!!!!
    Nè LA CHIESA, Nè LO SPIRITO SANTO CI USANO COME ROBOT O BURATTINI, MAI.

    3.Parla di Carmen, salita al cielo, ovviamente...
    " Riascoltando i suoi discorsi, tenuti anni fa, si nota proprio il suo discernimento, la lettura della storia e della scienza con gli occhi della fede e subito si percepisce come tutto quello che lei ipotizzava o profetizzava si sta realizzando nella società di oggi."

    SENZA DUBBIO UNA VERA PROFETESSA!

    "Altri valori importantissimi che mi ha trasmesso sono sicuramente il rispetto e l’ammirazione per le nostre radici, cioè il popolo ebraico (vedendo come Dio agisce nella storia), la consapevolezza che nulla è a caso.

    RISPETTO E AMMIRAZIONE
    (un poco lontani dal personaggio, in realtà)

    CHE DIO AGISCE NELLA STORIA... NULLA E'A CASO...
    No, non ce la posso fare... magari si fosse fatta ammaestrare dai fatti, dagli eventi (lei e Kiko il suo compare), leggendo in essi come Dio parla, visto che tra questi fatti/eventi ci siamo anche noi con le nostre esperienze che hanno seppellito, insieme a noi, senza alcuna misericordia.
    Per me hanno sempre fatto l'inverso, ossia hanno PIEGATO LA STORIA E GLI EVENTI AL LORO PRECONCETTO DISCERNIMENTO.

    INOLTRE, VISTO CHE LO STESSO IDDIO CHE AGISCE NELLA STORIA A MAGGIOR RAGIONE PARLA E AGISCE NELLA CHIESA E ATTRAVERSO LA CHIESA - COSA CHE SANNO ANCHE I BAMBINI DEL CATECHISMO -.....

    Laura cara, come fai a enumerare tra i valori che Carmen ti ha trasmesso.....
    ........Per ultimo, ma non meno importante, il suo amore, incondizionato, alla Chiesa e al Papa."

    AMORE INCONDIZIONATO?
    MA COSA VUOI CHE SIA LA PERFETTA OBBEDIENZA PER CHI AMA INCONDIZIONATAMENTE?

    OBBEDIENZA E CARMEN MAI SONO ANDATE D'ACCORDO, LE PIACEVA SOLO COMANDARE, COME KIKO.

    Pax

    RispondiElimina
  23. Povera Laura, povera figliola.....evidentemente non sa che Carmen è stata cacciata dall'ordine delle Carmelitane Scalze per disobbedienza; una ex-suora i cui familiari erano convinti fosse animata da un delirio religioso che la portava ora qua ora là ma appena aveva bisogno....papino, papino.....con tanti soldi, ovviamente

    RispondiElimina
  24. Pax

    Perdonatemi, devo aggiungere una sottolineatura importante.... Anche nella testimonianza di Laura, come in tutto l'ambiente neocatecumenale, si parla di Carmen "salita al cielo!".

    Ma.....
    Uno solo è salito al cielo, Colui che ne è disceso.... S.Paolo parla di nostro Signore Gesù.
    Che pure è veramente morto ed è risorto e poi è asceso al cielo.....

    Carmen è direttamente ascesa al cielo: salita questo significa..... È un'azione del soggetto....

    Secondo mistero Glorioso : Gesù ascende al cielo. Gesù sale Lui al cielo.

    Quarto mistero Glorioso : Maria è assunta in cielo. Maria è attratta da Dio che la porta in cielo.

    Continuano a ripetere che Carmen è salita al cielo, bah! Non stanno bene.

    Non so se c'entra qualcosa, oggi sconcludo un poco, salto di qua e di là......

    Ma notavo, come ho letto recentemente in qualche commento, che questi davanti alla morte, ai funerali, ai lutti, ridono......
    Davanti alle cose belle della vita, della loro esperienza, piangono e hanno la faccia triste e angosciata.
    Bah!

    Pax

    RispondiElimina
  25. @ Pax

    Stavolta hanno ragione i neocat: la Cara Estinta è davvero "salita" in Cielo, ma solo perché era un pallone gonfiato.

    RispondiElimina
  26. Il termine "salito al cielo" è usato anche nel lessico cattolico tradizionale, attribuito ai santi. Evidentemente, quando si tratta dei sacri iniziatori, i kikos fanno eccezione alla loro regola di disprezzare qualsiasi cosa da loro etichettabile come "religioso naturale". Lo si è visto per esempio anche con lo Statuto, con il titolone in latino anziché in itagnolo.

    È proprio come descritto da Orwell. In 1984 Winston si sorprende che i leader del Partito abbiano la possibilità di disattivare temporaneamente lo schermo-spia del proprio ufficio. Nella Fattoria degli animali lo slogan "quattro zampe buono, due zampe cattivo" viene modificato non appena comincia a dar fastidio ai maiali, che governano la fattoria. Nel Cammino Neocatecumenale il ridicolo balletto-girotondo attorno alle bare si effettua per i fratelli di comunità ma non per Carmen, alla quale è stato garantito un funerale da "cristiano della domenica"; per i kikos si preannuncia la cremazione e l'inscatolamento nelle mini-urne by Kiko, ma per la Carmen si realizza un tempietto (sia pure modello discoteca Playmobil) nel seminario neocatecumenale di Madrid...

    ...e naturalmente la scarnificazione delle coscienze e le "decime", a cui sono soggetti tutti i fratelli del Cammino tranne gli autonominati iniziatori.

    È proprio vero ciò che scrisse con estrema sfacciataggine R. Hubbard: "se vuoi diventare ricco, inventa una religione". Proprio ciò che mezzo secolo a hanno fatto i due spagnoli vogliosi di diventare capi di una comunità.

    RispondiElimina
  27. Pax

    Concludendo....
    Mancano del senso della misura: est modus in rebus.
    Mancano di un sano, comune, buon senso.
    Che tante volte è una salvezza.

    Hanno la Fede Forte, però, di cui si vantano e che consente loro di restare impassibili davanti ai lutti più terribili e, se ti avvicini, come ogni comune mortale farebbe, per portare la tua solidarietà e compassione (bella cosa perchè significa "soffrire con"; condividere il dolore) umana e cristiana.... ti guardano con aria di sufficienza e di disgusto e pensano: "Questo religioso naturale non ha capito niente!"

    Intanto la Cara Estinta e il suo Tempietto!
    Molto appropriato questo nome: davvero la CARA CARISSIMA Estinta!

    Pax


    RispondiElimina
  28. ANONIMO delle 13 e 26 di ieri:
    Il problema è che spesso nel Cammino il peccato non è un proiblemna. Proprio come per i "mondani".
    E' chiaro che Dio perdona sempre, ma solo a chi si pente perché sente dolore per aver peccato. Il peccato è tale perché l'uomo può non farlo. Se fosse costretto a farlo, non peccherebbe, perché mancherebbe o la piena avvertenza o il deliberato consenso. Dovete studiare almeno le BASI del Catechismio

    ANONIMO delle 23 e 16 di ieri:
    Che il Cammino rimanga aperto a Guam, dici. E io aggiungo: in tutto il mondo, PURCHE' sia cattolico. O PURCHE' dica chiaramente di non esserlo, senza ingannare nessuno.
    Di preti ce ne vorrebbero tanti, ma io preferisco 10 preti di sana dottrina a 1000 di dubbia dottrina che potrebbero danneggiare un numero enorme di anime.

    PICO:
    Non è questione di ottica, ma di anime.
    Il Cammino è importante se aiuta le anime, ma è importante anche se le danneggia. Cioè: non è il Cammino ad essere importante, ma le PERSONE. Questa è l'ottica giusta.
    Perché questo blog? Perché qualcuno deve puer essere stato chiamato a fare verità sul Cammino.
    Risolvi questo problema.
    Dati: 1) INFINITO è il valore del Sangue di Cristo, 2) Cristo ha dato il suo Sangue per ogni singola anima.
    DOMANDA: quale sarà il valore di ogni singola anima?
    A te la risoluzione

    RispondiElimina
  29. "ma io preferisco 10 preti di sana dottrina a 1000 di dubbia dottrina che potrebbero danneggiare un numero enorme di anime."

    La tua frase ricorda tanto Santa Teresa che faceva lo stesso ragionamento

    RispondiElimina
  30. per PAX

    mi potresti rispiegare le parole


    trettre ? hc , mi diverti sempre , ma ho dimenticato come ci sei arrivato.

    dott. perchè ha una laurea honoris causa .

    poi il resto?

    RispondiElimina
  31. Il numero delle vittime dei chierici pedofili a Guam è salito a 22, questi ultimi 4 sono vittime del Brouillard che Apuron ha sempre protetto. Intanto c'è un articolo che spiega che Apuron verrebbe ritenuto "innocente" dal Vaticano qualora le vittime non testimonino contro di lui in assenza del proprio avvocato (procedura bizzarra, ma le regole vaticane sono così).Fra l'altro dovranno ripetere le accuse con Apuron presente, il che non è proprio una passeggiata visto che dovranno rievocare traumi subìti proprio da lui,mai pentito e sempre disposto a mentire.

    RispondiElimina
  32. Per capire quanto vale una laurea honoris causa possiamo vedere quanto costa comprarne una: appena 99 dollari. Il pacchetto con la laurea, riconoscimenti, lettera di verifica e tutto il resto verrà recapitato entro 5-9 giorni lavorativi. Al Trota la laurea albanese - che non era banalmente honoris causa - costò molto di più.

    RispondiElimina
  33. OT: sul tema del "correggere il Papa" segnalo un interessante articolo su Chiesa e Postconcilio. San Tommaso osserva che «l’Apostolo contrastò Pietro nell’esercizio dell’autorità e non nell’autorità di governo»... «poiché san Pietro aveva peccato di fronte a tutti, doveva essere redarguito di fronte a tutti».

    RispondiElimina
  34. Ma disse o no Ratzinger "questa è una tesi scritta male!" del Direttorio Catechetico, dopo averlo straziato di correzioni?

    comunque, quando ci vuole ci vuole:
    https://www.youtube.com/watch?v=Hr62nZv_rUY

    RispondiElimina

  35. Apostata ha detto..... - 22 febbraio 2017 08:32 -

    Su questo rivolgiti al signor trettre dottor (h.c.) contafrottole Arguello. Lo specialista dei grandi numeri è lui, vedi i 50.000 presbiteri per la Cina.

    Io mi riferivo a lui alle 10,29
    Si il signor trettre dottor (h.c.) contafrottole Arguello ama i numeri e sta sempre a contare e si compiace e si esalta.

    Questi bei titoli li ha coniati Apostata

    Eccone un altro alle 10,43
    Il signor trettre dottor (h.c.) nuovogiovanniinmezzoavoi Arguello ha letto solo i suoi Mamotreti (old version) e medita esclusivamente
    le sue parole.

    Dottor credo anch'io si riferisca alla laurea honoris causa.

    Trettre dovrebbero essere tre famosi comici napoletani.

    h.c., onestamente non ho proprio idea, può dircelo solo Apostata.

    Io lo trovo sempre geniale,
    Grazie Apostata, amico ex come noi.

    Pax

    RispondiElimina
  36. Pax

    Ora in TV programma Porta a Porta, appena finito,intervista ad una vittima di un prete pedofilo francese.
    Nel servizio, preparato da Bruno Vespa sulla pedofilia nella Chiesa, tra gli altri casi, si è parlato dell'isola nel Pacifico Guam, di Apuron e di una altro prete pedofilo, suo amico........

    Pax

    RispondiElimina
  37. @D.D.

    No, fu Kiko a dire quella frase, secondo il suo racconto, direttamente a Ratzinger nel 2003. Maggiori dettagli li abbiamo riassunti nel post Furberie, trucchetti, mezze verità, complete bugie: la storia ventennale delle approvazioni farlocche del Cammino

    RispondiElimina
  38. Grazie Sandavi, era quello il post. Ricordavo male infatti, è anche peggio di come mi era rimasto in mente.

    RispondiElimina
  39. Il grande inganno de:
    "Il Signore ti ama così come sei e ...se cadi ti rialzi!

    Secondo la mentalità neocatecumenale significa via libera all'irresponsabilità nei confronti di se stessi e al interpretare erroneamente è quindi diabolicamente la Misericordia Divina che mai è disgiunta dalla Giustizia.

    Misericordia non vuol dire fai come ti pare tanto il Signore ti salva lo stesso e ti perdona senza che ti abbia pena e pentimento per i tuoi peccati!!

    Questa strada è un inganno pericolosissimo per la salvezza personale.

    Nell'ipocrisia c'è il demonio.

    RispondiElimina

I commenti vengono pubblicati solo dopo l'approvazione di uno dei moderatori.

È necessario firmarsi (nome o pseudonimo; non indicare mai il cognome).

I commenti totalmente anonimi verranno cestinati.